The Colonists – Recensione

  • Titolo: The Colonists
  • Piattaforma: PC
  • Versione analizzata: PC
  • Genere: Strategia, Gestionale
  • Giocatori: 1
  • Sviluppatore: Codebyfire
  • Publisher: Mode 7
  • Lingua: Inglese
  • Data di uscita: 24 ottbre 2018
  • Simpatici robot che costruiscono insediamenti
  • Molti scenari tra cui scegliere
  • Ampia gamma di edifici e strutture
  • Il gameplay può diventare noioso a causa quando bisogna passare il tempo in attesa di risorse

Sviluppato da Codebyfire e pubblicato da Mode 7 Games, The Colonists è un gioco che ha tutti i requisisti per diventare un bellissimo city builder. Anche se non ha una vera e propria trama, il gioco ruota intorno a un gruppo di robot che, stanchi di essere schiavi dell’umanità, decidono di creare un nuovo mondo tutto loro. Volendo diventare più simili agli umani stessi, intraprendono un viaggio per stabilirsi su un pianeta appena scoperto.

Gameplay


The Colonists offre tanti diversi scenari che andranno completati sbloccando una serie di obiettivi per poter passare ogni volta a quello successivo. I primi due scenari che affronterete sono dei tutorial molto ben pensati che vi aiuteranno ad apprendere tutti gli aspetti fondamentali del gioco. Una volta che avrete preso familiarità con le funzioni principali inizia la vera avventura che alterna tranquille fasi di costruzione a combattimenti contro un’ostile IA. Anche se pianificato dagli sviluppatori, al momento del rilascio non c’è modo di giocare con mappe generate casualmente ma la funzione sarà implementata in futuro.

Dal modo in cui The Colonists è stato progettato è subito evidente che per costruire un insediamento fiorente, c’è bisogno di una meticolosa pianificazione. La raccolta e la gestione delle risorse sono il punto chiave del gioco. Si inizia come al solito da una fase “primordiale” andando ad evolvere la nostra civiltà nel tempo. Tutti i rifornimenti sono necessari e ognuno di essi ha una funziona specifica all’interno del vostro insediamento. Uno dei primi concetti da apprendere è che i robot funziono ad energia. Per creare energia bisogna fornire ai robot i mezzi per realizzarla, costruendo dei pozzi per la raccolta dell’acqua e della fattorie per la carne. Entrambe queste risorse vanno poi trasferite alle residenze affinché possano creare energia. L’intero gioco gira su uno schema molto simile a questo e il successo delle missioni dipenderà dalla creazione di una routine precisa e bilanciata.

La pianificazione porta al successo


In The Colonists, avrete a disposizione una grande varietà di finestre che tengono traccia dell’offerta e della domanda delle risorse, una funzione incredibilmente utile per essere sempre informati sull’andamento della vostra colonia e intervenite tempestivamente in caso di problemi. Un altro elemento fondamentale ma spesso trascurato, è la realizzazione ordinata di strade per la consegna delle risorse. I nostri robot infatti, creeranno una sorta di checkpoint dove le risorse verranno gestite e smistate al magazzino corretto. L’obiettivo infatti è quello di creare percorsi corti e diretti in modo da garantire un veloce rifornimento, mantenendo brevi i tempi di consegna e impedire che le rotte diventino troppo trafficate. Se troppi beni sono in attesa di consegna, la strada verrà contrassegnata come bloccata riducendo notevolmente la crescita della colonia.

All’inizio di ogni quasi tutti gli scenari, avrete l’opportunità di estrarre solo da fonti limitate e a causa di questo, le risorse devono sempre essere utilizzate in modo ponderato, considerato anche che la ricerca di giacimenti “infiniti” richiede tempo, sforzi e un sacco di edifici adeguati. In tutto questo dovrete poi anche difendervi dagli attacchi dei nemici e ovviamente lo sviluppo di tecnologie difensive richiede un gran bell’investimento di risorse.

Probabilmente la raccolta e la gestione delle risorse sono la parte più complessa di The Colonists e, specialmente nelle prime fasi di gioco, non è facile riuscire a bilanciare la domanda con l’offerta. Per riuscire nell’impresa, la cosa fondamentale è la pazienza. Affrettare troppo i tempi vi farà restare presto senza risorse e rischierete di rimanere bloccati per molto tempo in attesa di rifornire i magazzini.

La raccolta e la meticolosa gestione della risorse, potrebbe risultare noiosa ai non appassionati del genere e probabilmente è l’elemento più determinante di The Colonists. Gli strateghi più esperti raccoglieranno volentieri la sfida proposta dal gioco ma i giocatori più occasionali potrebbero non gradire affatto la cosa. Se cercate un divertente passatempo da giocare una volta ogni tanto, ignorate pure The Colonists perché questo è un gioco che richiede tempo, pazienza e dedizione. Gli esperti del genere invece sanno bene a cosa andranno incontro e troveranno l’esperienza generale molto divertente e gratificante.

Giudizio finale
75

The Colonists è un ottimo titolo per tutti gli amanti del genere. Se vi piace costruire città e gestirne le risorse il gioco offre delle meccaniche incredibilmente ben pensate. Ci sono comunque molti margini di miglioramento e al momento pochi contenuti. Il gioco si termina in circa 25/30 ore ma a breve saranno disponibili nuovi elementi tra cui una modalità di creazione gratuita e una modalità Multiplayer che si incentrerà principalmente sui combattimenti. Non vi resta che aspettare ulteriori novità e nel frattempo impegnarvi con quello che avete a disposizione.

User Rating: 0 ( 0 Votes )