Yoshi’s Crafted World – La nostra anteprima

Uscito direttamente dopo il Nintendo Direct che si è svolto il 13 Febbraio (e se ve lo siete persi potete recuperarlo qui) la versione Demo di Yoshi’s Crafted World per Nintendo Switch ha fatto il suo debutto su questa console portatile, permettendo al pubblico di appassionati di poter vestire in anteprima i panni di Yoshi nelle sue avventure in un mondo tutto nuovo, in attesa del gioco completo che uscirà il 29 marzo 2019. Ecco le nostre impressioni su questo piccolo assaggio che ci è stato offerto!

Subito una primissima impressione viene donata dall’allegria dei colori che ha dato un buon impatto sul titolo: un ambiente che ricorda tanto un diorama di cartone fatto da un bambino tanto semplice nella sua idea quanto apparentemente complesso per i livelli e i rompicapo che il giocatore andrà ad affrontare. Una volta entrati nel menù principale, la demo offre un solo livello, ma starà al giocatore decidere se giocarlo in modalità relax, consigliata a chi desidera giocare senza troppi pensieri trovandosi uno Yoshi che può volare sempre, oppure in modalità classica, dedicata a quella tipologia di giocatori che è più portata per questo genere di titoli. Il livello disponibile è la Stazione Cielsereno, che il giocatore potrà giocare prima nella sua versione “dritta” e successivamente, dopo aver completato il livello, verrà sbloccata la versione “rovescio”.
Da questa anteprima, è chiaro quali saranno gli oggetti che il giocatore dovrà accumulare di volta in volta per poter completare tutti gli obiettivi del livello. Infatti, completando tutti gli obiettivi richiesti dal livello, il giocatore collezionerà i fiori ridenti, utili per poter accedere alle nuove aree del gioco, che ovviamente in questa demo non sono disponibili. Queste saranno anche presenti in maniera sparsa per il livello e per ottenerli tutti starà al giocatore avere l’occhio attento anche ai più piccoli dettagli per poter trovare ogni elemento nascosto.
Gli obiettivi del livello non saranno gli unici ad essere completati dato che, una volta svolto il livello sia per il “dritto” che per il “rovescio” con alcune missioni che ci verranno assegnate dall’unico altro personaggio in cui, in questa demo, saremo in grado di interagire.

I Comandi

Muovere Yoshi è piuttosto semplice ed intuitivo, e i comandi sono praticamente gli stessi del predecessore per Wii U e Nintendo 3DS, Yoshi’s Woolly World. Per chi ha bisogno di una leggera infarinatura dei comandi, sparsi in punti strategici del livello c’è la possibilità di poter leggere dei mini tutorial su alcuni dei movimenti base e su una specifica azione che, nel punto in cui si trovano, il giocatore può sfruttare: dal come catturare con la lingua i nostri nemici, al come lanciare uova contro oggetti o nemici al semplice svolazzare in aria. Infatti, una cosa molto utile per superare alcuni ostacoli è il fatto che, tenendo premuto il tasto del salto per un certo lasso di tempo, Yoshi ha la possibilità di svolazzare leggermente, planando in aria o più semplicemente andando un po’ più in alto del solito.

L’interazione va ben oltre

In Yoshi’s Crafted World si è voluto dare un qualcosa di più rispetto al suo predecessore, se in Yoshi’s Wolly World abbiamo un mondo con la quale possiamo interagire solo in maniera laterale, andando a destra o a sinistra, in questo titolo tutto il livello è da scoprire ed interagibile. Infatti ciò che si vuole regalare al giocatore è un’esperienza che non sia solo il semplice passare fino al traguardo, bensì svolgere anche una sorta di caccia al tesoro. Dagli obiettivi da completare a semplici monete, attraverso Yoshi il giocatore avrà la possibilità di interagire anche con elementi che all’inizio sembravano semplicemente da sfondo. Infatti, prendendo in mano le uova ottenute, sarà possibile lanciarle addosso alle casupole o ai cespugli di cartone per vedere semplicemente il livello che si è deciso di percorrere cambiare.

Non si va solo avanti

Come anticipato all’inizio di questo articolo, ciascun livello sarà giocabile in due modi: Dritto e Rovescio, e questa seconda parte sarà ottenibile completando la prima. Questa modalità rappresenta il ripercorrere il livello a ritroso con la visuale che mostrerà l’aspetto del livello sotto un’ottica differente e con delle prove a tempo. Dalla versione colorata che avevamo all’inizio vedremo come in realtà è fatto questo mondo, con cannucce che tengono sollevati pezzi di muro di cartone tenuti appiccicati con pezzi di nastro adesivo, a blocchi di cartone che sono tenuti in maniera grezza, come se l’intero livello altri non è che un semplice mondo costruito con la fantasia di un bambino, dimostrando ancora una volta come un’idea semplice permette di creare contenuto aggiuntivo al gioco.

In compagnia è meglio

Questa demo non offre solamente la possibilità di potersi godere l’esperienza di questo titolo in single player, permette anche a due giocatori di poter affrontare le sue avventure. Ogni livello, che sia Dritto o Rovescio, sarà affrontabile anche in due giocatori, ciascuno con un Joy con in mano, potendo così raggiungere nuove vette dedicate al livello. Per chi ama le sfide, potrebbe anche definirsi un gioco di squadra o una sfida al cercare di mettersi i bastoni tra le ruote. Collaborare però permetterà di trarre vantaggi là dove le munizioni vengono a mancare o c’è bisogno di raggiungere dei punti della mappa alla quale da soli vien difficile arrivarci.

Il giudizio finale

La demo di Yoshi’s Crafted World è giocabilissima in non più di un’oretta, sebbene ci abbia impiegato un po’ di più per cercare di approfondire il più possibile ciò che questa demo aveva da offrire e, personalmente, sono rimasta piuttosto incuriosita, confermando alcune delle aspettative che avevo su questo titolo.
Tuttavia, ha i suoi pro e i suoi contro cosa che verrà ereditata sicuramente nella sua versione finale. Là dove abbiamo un’enorme interazione con il livello, a mio avviso ciò che ha aggiunto quel qualcosa in più al titolo, abbiamo pur sempre un percorso a scorrimento laterale potendo andare solo avanti o indietro, salvo eventuali biforcazioni del percorso. In particolare ciò ha influenzato il comando del lancio delle uova: infatti, se il puntatore non era specificatamente sul bersaglio, qualora questi era fuori dal percorso principale, bisognava al millimetro muovere il puntatore attendendo (o cercando di prevedere) il movimento del bersaglio alla quale lanciare l’uovo. Ho apprezzato però tantissimo la modalità multi giocatore, pur non avendo livelli dedicati, potendo però godermi le avventure di Yoshi in compagnia. Ciò non esclude che nel titolo completo possano esserci.
Ritengo che questo titolo valga la pena essere giocato, anche solo per poterlo godere la moltitudine di livelli colorati che il titolo offrirà, avendomi questa demo incuriosita su come possano essere gli altri mondi, proprio per l’originalità con cui sono stati -letteralmente- costruiti.

Yoshi’s Crafted World – Galleria