GCORPS al BGeek 2018 – Due giorni di caldo e follia

Assieme agli inseparabili amici di Gaming ART e Racoon ACSD, il 9 e 10 giugno 2018 lo scalmanato team fieristico di Gameslayer Corps ha partecipato alla nuova edizione del BGeek, annuale kermesse dedicata al mondo del fumetto e del videogioco che si tiene nella meravigliosa città di Bari.

All’interno dell’immensa area allestita assieme ai nostri partner, abbiamo proposto ai visitatori alcune dozzine di tornei competitivi, fra cui non possiamo non citare quelli dedicati a Rocket League, NARUTO SHIPPUDEN: Ultimate Ninja STORM 4, Dragon Ball FighterZ, TEKKEN 7, Mario Kart 8 Deluxe e l’immancabile Super Smash Bros., che ormai riproponiamo praticamente ad ogni fiera, riscontrando anche una soddisfacente affluenza.

Potendo contare su più di venticinque postazioni console e altrettante postazioni PC, questa volta il team di Gameslayer Corps, assieme ai suoi attrezzatissimi partner, ha potuto portare in fiera uno spaventoso quantitativo di giochi. Abbiamo infatti colto quest’interessante opportunità per proporre ai visitatori del BGeek non solo i soliti titoli provabili grossomodo in ogni fiera, ma anche importanti novità del calibro di God of War, Vampyr e Kingdom Come: Deliverance, senza dimenticare produzioni meno blasonate e forse un po’ di nicchia, come appunto Gal*Gun 2, Little Nightmares, Yakuza 6 e Attack on Titan 2, che a dispetto dei pronostici hanno subito conquistato l’utenza.

Allo scopo di ringraziare i nostri storici amici e tutti i partecipanti della kermesse, ma soprattutto coloro che hanno contribuito a rendere a dir poco epico il nostro primissimo BGeek, abbiamo realizzato una piccola clip che immortala alcuni dei momenti più esilaranti avvenuti presso il nostro stand. Ve la proponiamo di seguito, assieme alla combattuta finalissima del torneo di NARUTO SHIPPUDEN: Ultimate Ninja STORM 4.

VLOG BGeek 2018


Finale del torneo di NARUTO SHIPPUDEN


Grazie ancora e alla prossima fiera!

Tag

Gameslayer Corps è un gruppo di matti affetti da una cronica dipendenza da videogioco che hanno voluto ritagliarsi uno spazio in rete per dar sfogo a quell’insistente necessità di esprimere le proprie opinioni su un mondo che li ha sempre affascinati. Più che altro per ridere e sparare cazzate come se non ci fosse un domani.