Gamescom day 1: impressioni a caldo

L’edizione 2019 del Gamescom è iniziata ufficialmente questa mattina, con l’apertura dei cancelli. Abbiamo avuto modo di toccare con mano alcuni titoli, e qualcuno di essi ci ha stupiti positivamente.

Bravery Network Online: un fighting game stile Pokémon, con una modalità storia (che non abbiamo avuto modo di vedere), e una modalità battaglia 5v5 in cui un giocatore sceglie un team composto da 5 elementi, ognuno con caratteristiche ben precise. Nella demo a noi mostrata la scelta era fra 3 team già pronti, ma nella versione definitiva sarà il giocatore a comporre il suo team. Ogni membro della squadra ha a disposizione 3 mosse, che potranno fare danni, far recuperare vita, aumentare o ridurre attacco o difesa dell’avversario. Ogni volta che un membro del team perde tutti i suoi punti vita, si ritirerà cedendo il posto a un compagno scelto dal giocatore. Il gioco risulta particolarmente acerbo e monotono, ma ha delle potenzialità. Peccato che la meccanica di gioco sia quella di un qualsiasi punta e clicca.

Best Friend Forever: un dating sim con i cani. L’ennesimo punta e clicca, pieno di dialoghi (fin troppi), che risulta una brutta copia di Nintendogs con la componente dating sim. Per certi versi potrebbe risultare divertente, alcuni dialoghi ad esempio contengono citazioni o riferimenti a serie tv, o comunque sono letteralmente piazzati in un momento per far sorridere il giocatore, ma a lungo andare il gioco stanca. Decisamente non adatto a tutti, bisognerebbe aggiungere il disclaimer “Questo gioco potrebbe far scendere il latte alle ginocchia”

Ice Age: Scrat’s Nutty Adventure: platform in pieno stile Crash Bandicoot che strizza l’occhio agli open world. Il protagonista di questa avventura grafica è Scrat, l’amatissimo scoiattolo che (come al solito) dovrà trovare la sua ghianda. L’obiettivo è quello di far raccogliere le gemme a Scrat, seguendo un percorso ma anche esplorando l’intera area. Il bello di questo gioco è che risulta alla portata di tutti, non essendo frustrante (grazie ai checkpoint presenti ovunque) ma essendo allo stesso tempo una sfida: non sarà certo facilissimo superare i vari ostacoli e completare il percorso. La grafica è molto curata, apprezzabile la presenza sullo sfondo (nella demo a noi mostrata) dei mammut Manny ed Ellie, e i paesaggi sono molto dettagliati. Per quanto riguarda il sonoro, ottimo lavoro sia per quanto riguarda i rumori che per il doppiaggio di Scrat, molto divertente anche per via della voce (è infatti stato utilizzato il doppiaggio originale dei film). Il gioco risulta molto divertente, e godibile da una fetta di pubblico molto ampia che comprende i più giovani, le famiglie e gli amanti della serie di film “L’era glaciale”.

PlayGiga: un promettete servizio di cloud gaming in abbonamento, a 7 euro al mese, made in Spain. Le premesse sono buone, ma anche gli stessi sviluppatori sono dubbiosi e incerti sul futuro dei videogiochi. Sarà interessante seguire gli sviluppi futuri del servizio

Studente con la passione per la scrittura, nerd fino al midollo, aspirante giornalista, ma ho anche dei difetti. Nato con il controller in mano, cresciuto con i fumetti sotto il cuscino, ho scritto per vari siti web e ho provato anche a fare da radiocronista per alcuni eventi sportivi. L’avventura non mi spaventa, infatti sono sempre alla ricerca di nuove sfide. Il mio mentore è Steve Jobs, mentre il motto che sintetizza perfettamente la mia vita è “se puoi sognarlo puoi farlo”.